ADRIANO CAPRA – L’intervista

Un calciatore con un grande e lungo percorso nel calcio professionistico e che ha legato la sua carriera a due momenti ben precisi: la strepitosa annata con il Taranto che fino al febbraio 1978 pareva destinata a chiudersi con una miracolosa quanto meritata promozione in Serie A … prima che un tragico incidente si portasse via “l’uomo gol” di quella meravigliosa squadra: Erasmo Iacovone e con lui le speranze di calcare finalmente i palcoscenici prestigiosi della  Serie A. L’altra è quella legata alla sua città adottiva, dove Adriano ancora oggi è popolare, amato e stimato: Parma. Quel Parma che al termine della stagione 1972-1973 conquistò la promozione nella serie cadetta dopo il drammatico e trionfale spareggio di Vicenza contro l’Udinese.

Finita la carriera nel calcio professionistico Adriano è sempre rimasto nel mondo del calcio, come allenatore prima (cogliendo importanti risultati nel calcio dilettantistico) e come dirigente in seguito.

Adriano oggi si racconta a noi del “Nostro Calcio” e lo fa alla sua maniera: con estrema onestà e senza inutili giri di parole.

La squadra per cui tifavi da bambino

 La squadra per cui ho sempre tifato e’ il MILAN

Il tuo primo idolo calcistico

 Il mio idolo era Gianni RIVERA, giocatore fantastico.

L’avversario più forte che hai incontrato

 Ne ho incontrati tanti che farvi un nome e’ difficile.

Il compagno di squadra più forte con cui hai giocato
 E’ sicuramente Ivan ROMANZINI, mio compagno di squadra al Taranto. Non troppo conosciuto al grande pubblico ma giocatore completo e di grande carisma.

L’avversario più … “antipatico”

 Antipatici nessuno. Si può discutere, litigare e magari darsi qualche bel calcione … ma usciti dal campo è tutto finito.

Il compagno di squadra più simpatico

 Sicuramente  Lamberto BORANGA. Un personaggio !

L’allenatore più bravo che hai avuto

Gianni SEGHEDONI. Fama di “sergente di ferro” ma persona competente e di grande spessore umano.

L’allenatore … meno capace …

Quello meno capace o meglio quello con cui ho imparato meno e’ stato Cesare MALDINI a Parma.

Un calciatore con cui avresti voluto giocare
Sono tanti che è difficile fare un solo un nome !

Vi dico Roberto ROSATO del TORINO, stopper della Nazionale ai Mondiali del Messico nel 1970. Lui giocava in prima squadra nel Toro nel periodo in cui ero nel settore giovanile. In campo non ce l’ho mai fatta a giocare con lui … ma per fortuna qualche partitella in allenamento si !

Un calciatore che avresti voluto allenare
 Di campioni ce ne sono stati tanti ma alla fine si casca sempre su di lui … su Gianni RIVERA !

Un allenatore che avresti voluto avere
Un allenatore molto bravo e che forse meritava di più’ e’ OSVALDO  BAGNOLI. Sarebbe stato bello poter lavorare con lui.

Il Club dove hai lasciato il cuore

Probabilmente a Taranto dove ho vissuto 4 anni di momenti davvero molto belli ma anche molto tristi. Ancora oggi quando mi capita di tornarci il ricordo e l’amore della gente non sono mai spariti.

Il più bel ricordo calcistico in assoluto

Il ricordo più bello e’ la vittoria del mio primo campionato a PARMA. Stagione davvero indimenticabile.

La più grande delusione

Non aver avuto la possibilità’ di giocare in Serie A.

La partita che ricordi con più piacere
Senza ombra di dubbio lo spareggio a Vicenza tra PARMA  e UDINESE che ci permise di conquistare la promozione in Serie B. Giornata meravigliosa ed indimenticabile.

La partita che vorresti dimenticare
 RIMINI – TARANTO, la prima partita dopo la morte del povero Erasmo IACOVONE.

La cosa che meno ami del calcio moderno

La distanza che si è venuta a creare tra pubblico e giocatori. Ai miei tempi c’era un rapporto molto diverso, più vero e genuino. Ora i calciatori sono “lontani” dalla gente.

Quella che più rimpiangi del “tuo” calcio

 L’amicizia tra noi giocatori. Si creavano rapporti che potevano durare una vita.

Il calciatore più forte che hai allenato

 A livello dilettantistico  Luca MONTALI

Il calciatore attuale che apprezzi maggiormente

 Sicuramente  Cristiano RONALDO

Il calciatore nel quale ti riconosci di più

 Mi rivedo abbastanza in Leonardo BONUCCI, un difensore però capace di impostare il gioco.

L’allenatore che è stato il tuo punto di riferimento

Sempre Gianni SEGHEDONI per i suoi insegnamenti in campo ma soprattutto per la persona che era fuori dal campo.

Un allenatore attuale che ammiri

 Stefano  PIOLI

La qualità più importante per un allenatore

Penso che la qualità migliore per un allenatore sia la capacità di comunicazione con i giocatori, fondamentale per ottenere il meglio da ognuno di loro.

Lo schema di gioco preferito e perché

 Lo schema lo fai in base ai giocatori che hai.

Formazione ideale tra i tuoi ex-compagni di squadra

Non è affatto facile ma ci provo ! PETROVIC  BIAGINI  CAPRA  SPANIO  DAOLIO  ROMANZINI  SEGA  ANTOGNONI  IACOVONE  SELVAGGI  RIZZATI

Formazione ideale tra i calciatori che hai allenato

 Questa è davvero troppo difficili ! Sono davvero tanti che non saprei chi scegliere.

Un grazie di cuore ad Adriano Capra, persona “vera”, genuina e con una passione per il calcio che non si è mai assopita.

About Author /

Remo Gandolfi è nato e vive a Parma. Ha un patentino di allenatore messo in qualche ripostiglio a prendere polvere, ama il calcio, il ciclismo, la musica rock, la storia contemporanea, l’Argentina, tutti i piatti con il tartufo e la Guinness. E sull'amato pallone la pensa esattamente come Angel Cappa, figura romantica del calcio argentino: “Non si può ridurre il calcio solo al risultato, come non si può ridurre l’amore solo all'orgasmo”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Start typing and press Enter to search