Duncan Ferguson non era temibile solo per gli avversari.

Racconta Kieron Dyer, l’ex Nazionale Inglese e compagno di squadra di Ferguson al Newcastle, che durante un allenamento Ferguson più volte si era lamentato del compagno di squadra Alessandro Pistone, reo di non servirlo a dovere.

All’ennesimo rimbrotto di Dunc, Pistone decide di rispondere in maniera decisa «Fuck off, Dunc!».

Ferguson rimane immobile per diversi secondi, fissando negli occhi il difensore italiano. Al rientro negli spogliatoi lo affronta. «Vieni fuori che dobbiamo risolvere il nostro problema» gli dice Duncan chiaramente ancora arrabbiatissimo.

Pistone spalanca gli occhi, paralizzato dal panico. «Non farmelo ripetere –gli urla Ferguson- o ti porto fuori da qui a calci nel culo». Pistone pare inizi addirittura a singhiozzare, pregando lo scozzese di calmarsi.

Ferguson rimane decisamente spiazzato, ma non perde comunque l’occasione di mettere in chiaro le cose: «Te lo dico ora e non te lo dirò mai più. Mandami un’altra volta affanculo e io ti apro il cranio in due».

Pistone e Ferguson si sarebbero ritrovati insieme anche all’Everton in seguito… ma dubitiamo fortemente che “l’incidente” si sia mai ripetuto!

Duncan Ferguson è uno dei 27 protagonisti di http://www.urbone.eu/obchod/mavericks-cult-heroes-del-calcio-britannico

Avatar
Remo Gandolfi

Remo Gandolfi è nato e vive a Parma. Ha un patentino di allenatore messo in qualche ripostiglio a prendere polvere, ama il calcio, il ciclismo, la musica rock, la storia contemporanea, l’Argentina, tutti i piatti con il tartufo e la Guinness. E sull'amato pallone la pensa esattamente come Angel Cappa, figura romantica del calcio argentino: “Non si può ridurre il calcio solo al risultato, come non si può ridurre l’amore solo all'orgasmo”.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.