Facebook
Twitter
Rss
Youtube
Mina D’Ippolito. La storia del Futsal ...   1) Ciao Mina, grazie per la tua disponibilità. ... - 06 Mar 2015
Pronostici sulla Serie A Oggi in assenza della Premier League passiamo all'analisi delle ... - 14 Feb 2015
Pronostici sulla Premier League TOTTENHAM - ARSENAL   Derby londinese che ha tutta ... - 07 Feb 2015
Pronostici sulla Serie A   Oggi la Premier League è ferma causa FA Cup, quindi ... - 24 Gen 2015
Pronostici sulla Premier League Anticipi della 22esima giornata di Premier LeagueASTON VILLA ... - 17 Gen 2015
Manuel Neuer, ovvero l'elogio della ...     Un vecchio adagio dice che chi ama il calcio ma ... - 13 Gen 2015

Martedì, 29 Aprile 2014 08:35

Harakiri Liverpool. Clamoroso ad Anfield!

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 gerrard

 

La giornata che poteva essere la giornata del sogno che si realizza, del titolo dopo 24 anni per il Liverpool di Brendan Rodgers si è trasformata in un incubo e, forse, complice il facile successo dl Manchester City sul campo del Crystal Palace, il Liverpool deve dire addio ai sogni di gloria.

Il Chelsea ha espugnato Anfield 2-0 con le reti di Ba e Willian, dopo una partita passata al limite della propria area di rigore nella “migliore” tradizione mourinhana, e così, a due giornate dal termine il Liverpool conserva due punti di vantaggio sui Blues, ma soltanto tre sul City che ha una partita in meno, e una differenza reti complessiva di +10 sui Reds, con i quali sono in vantaggio anche negli scontri diretti.

Risulterà decisivo il prossimo impegno dei Citizens sul campo dell’Everton.

Proprio l’Everton, ancora teoricamente in corsa per un piazzamento Champions a meno 4 dall’Arsenal, sarà “costretto” a tentare il favore ai cugini Reds.

Nelle ultime due giornate il Liverpool andrà a Londra sul campo del Crystal Palace e poi chiuderà in casa col Newcastle, i Citizens dopo Everton affronteranno West Ham e Hull City, entrambe in casa ed entrambe al riparo da rischi di retrocessione.

City padrone del proprio destino, quindi!

 

 

 

Ciò che sembrava impossibile, dopo il successo del Liverpool contro il Man City 3-2 di due settimane fa, si è materializzato domenica.

Complice un’attesa spasmodica e la tensione di chi non vince da più di due decadi i Reds a lunghi tratti sono sembrati condizionati dal proverbiale “braccino del tennista”.

Suarez meno lucido e pericoloso del solito, sempre raddoppiato dal terzino e dal centrale difensivo della fascia sulla quale di volta in volta agiva, ma chi ha tradito, purtroppo, è stato Capitan Gerrard.

Una sua scivolata in mezzo al campo ha permesso, nel recupero del primo tempo, all’ormai solito Ba di involarsi tutto solo verso Mignolet e di segnare il gol del vantaggio Blues che ha permesso a Mourinho di chiudersi ancora di più in difesa, sempre ce ne fosse bisogno.

Proprio il tecnico portoghese è stato il vero protagonista prima, durante e dopo il match.

Dalle polemiche per il mancato anticipo del match al sabato, alla minaccia di non schierare la migliore formazione, alla solita esultanza “composta” sotto la propria curva dopo il raddoppio in contropiede di Willian, alle polemiche per presunti torti arbitrali che il Chelsea avrebbe subito nel corso della stagione, il vero vincitore di Anfield è comunque lui.

Magari non vincerà la Premier, anzi probabilmente non la vincerà, ma in quattro confronti con City e Liverpool quest’anno ha sempre vinto, come ci ha tenuto a ricordare in conferenza stampa.

Rodgers dal canto suo, ha rimarcato l’atteggiamento ultra difensivista del Chelsea, ma non ha potuto che riconoscere come la vera favorita al titolo al momento sia il City.

Sabato al termine di Everton-City, ne sapremo di più.

In Spagna Atletico sempre più primo e favorito al titolo.

0-1 al Mestalla contro il Valencia con rete di testa di Raul Garcia e +4 sul Barcellona e +6 sul Real che ha una partita in meno a tre giornate dalla fine.

Battendo Levante e Malaga i Colchoneros saranno campioni di Spagna, rendendo inutile il rendez-vous all’ultima giornata contro il Barcellona al Camp Nou.

Barcellona che espugna el Madrigal di Villarreal con parecchia fortuna.

Ancora scossi per la morte di Titol Vilanova, i Blaugrana vanno sotto due a zero nei primi cinquanta minuti, prima di rimontare con due autoreti di Gabriel e Musacchio, entrambe propiziate da cross di Dani Alves e il gol di Messi che spinge in rete un perfetto assist di Fabregas.

Vince il Real 4-0 contro l’Osasuna. Doppietta con due gioielli da fuori area per CR7, che si presenterà all’Allianz nelle migliori condizioni per il match di ritorno.

Top della settimana: Dani Alves!

 

 

 

 

Letto 1682 volte Ultima modifica il Martedì, 29 Aprile 2014 10:36
Michele

27 anni. Laureato in giurisprudenza presso l'università Roma Tre. Master in diritto e impresa presso il Sole 24 ore. Appassionato di Premier League e dei suoi stadi, Nba e storie del calcio che fu. Tifoso del Milan. Giornalisti preferiti: Stefano Borghi, Gianni Mura e Federico Buffa. Sogno nel cassetto: vedere Boca Juniors-River Plate alla Bombonera.


Facebook
Twitter
Rss
Youtube

Seguici su Facebook

Ultimi Tweets


NostroCalcioIT RT @MatteDj23: @MinoRaiola per me una 4 formaggi, grazie 🍕
NostroCalcioIT Pronostici sulla Premier League..Scritto dal nostro amico Giuseppe Staniscia http://t.co/o0QFquhGTX
NostroCalcioIT Top Five Questions: Gianluca Isgro’, the recordman! Scritto dal nostro amico Massimo Rappa http://t.co/S5cSjKbmoq

Calendario articoli

Torna su